ABITARE IL CENTRO

i contributi

Contributo online di Stefano Data:2021.03.09

Contributo online di anonimo

Data:2021.03.11

“Ristrutturare e riqualificare le unità abitative all'interno delle corti storiche destinandole oltre che alla parte puramente abitativa, ad una destinazione uffici /commerciale per almeno il 30% del potenziale; rivalutazione dell’area piazza /biblioteca con eventi, manifestazioni e centri di aggregazione.

IMG_0157_web.jpg

“Il centro storico dovrebbe essere un luogo destinato alle abitazioni, quindi tranquillo e pulito. I negozi al dettaglio non hanno ormai quasi più senso e vanno bene quelli che ci sono ora. Locali pubblici andrebbero spostati in altri luoghi. Chi come me abita in centro desidera tranquillità. Credo sia necessario pensare ad un luogo specifico, lontano dal centro, per chi vuole vivere momenti di aggregazione (feste, giochi, ecc).

Spesso chi propone feste o interventi abita lontano dal centro, in tranquille zone residenziali.”

Contributo online di Davide   Data:2021.03.14

“Il centro storico è sempre più un luogo in cui vivono abitanti storici del paese, ma anche tante persone che si sono trasferite a Paderno da poco tempo, comprese tante famiglie straniere che vanno ad abitare (in affitto o acquistando) case del centro storico rimaste vuote. Sarebbe bello rendere il centro un luogo di incontro, di integrazione e di scambi culturali fra gli abitanti storici ed i nuovi arrivati. Due idee:

1. riqualifica delle case del centro: contattare direttamente i cittadini o creare uno sportello per spiegare quali sono le agevolazioni a disposizione per la riqualificazione della propria abitazione.

2. incontro ed integrazione: organizzazione di eventi di quartiere per conoscersi (ad esempio, un pranzo / cena lungo la via o in piazza).

Contributo online di Maria Rosa   Data:2021.03.21

“La mia idea per migliorare la vita di chi vive in centro è di favorire lo sviluppo di eventi che coinvolgano cittadini di tutte le fasce di età attraverso un ridisegno degli spazi, specialmente in piazza, per renderla funzionale e adeguata alla partecipazione (dove mettere un palco, dove allacciare la corrente, dove diffondere voce e musica, dove disporre eventuali sedute). In particolare pensare a un allestimento mutevole a seconda del tipo di evento o manifestazione, sfruttando coreografie luminose, coperture mobili e temporanee.”

Contributo offline di Stefano  

Data: 2021.03

“Per condividere la vita in comunità, per poter vivere in un contesto storico riqualificato”